Gestione Ordinaria e Manutenzione delle Aree a Verde

In questa pagina...

Azienda Città Servizi provvede:
  • Alla manutenzione di verde pubblico affidata all' A.C.S. nell'aprile 2014 oltre agli evidenti miglioramenti qualitativi ha consentito all'ente Comune di Avellino di realizzare il primo progetto di inclusione sociale attraverso il rapporto di collaborazione con i ragazzi della Casa sulla Roccia in fase di recupero dalla tossico dipendenza.;

                                                                                                                           

 

 

 

 

       1. PATRIMONIO VEGETALE DELLA CITTÁ                                                                                            


Il territorio del comune di Avellino è molto esteso e si aggira intorno ai 30 kmq La densità per Kmq di abitanti e pari a 1805 unità, la superficie a verde che interessa l'intero territorio comunale orientativamente valutata ma mai stimata, è di circa 600.000 mq.

                                                                                                    FIGURA 1– Territorio del Comune di Avellino

Questa estensione territoriale  fà si che le aree a verde sono notevolmente differenziate e  divise in spazi eterogenei. Il patrimonio vegetale della città è un sistema vivente e quindi in evoluzione che richiede un'analisi puntuale, una costante attività di monitoraggio e manutenzione.

Gli interventi su tale patrimonio devono essere ispirati ai criteri della tutela e valorizzazione da condurre in maniera pianificata per garantire nel tempo le migliori condizioni e lo sviluppo dell'intero sistema.

Per la gestione del verde urbano si intende la programmazione, in un quadro a breve e medio termine, degli interventi di manutenzione, allo scopo di migliorare e mantenere la struttura del verde all'interno della città.

Gli interventi necessari per mantenere al meglio il verde sono numerosissimi e variano in relazione al tipo di struttura, alla specie impiegate, ai risultati che si vogliono ottenere.

Rientrano negli interventi di manutenzione del verde il taglio dei tappeti erbosi, le irrigazioni, le concimazioni, i trattamenti antiparassitari, i diserbi, le potature, etc.

E' necessario pianificare con accuratezza gli interventi da eseguire, in maniera tale da evitare operazioni sbagliate che possono alterare in maniera negativa lo sviluppo, e conseguentemente la funzione di un'area.

Le disponibilità finanziare non sono mai sufficienti per l'efficace manutenzione del verde per questo si stabiliscono delle priorità, anche in funzione delle aspettative della popolazione.

Non è possibile determinare con esattezza quando saranno eseguiti gli interventi per la manutenzione del verde, poiché si è condizionati in primo luogo dall'andamento climatico chedenota una certa variabilità di anno in anno; secondariamente perché è bene assecondare la tendenza a raggruppare, per quanto possibile, gli interventi in modo da contenere i costi di gestioni.

Sulla base delle conoscenze attuali è stato costruito lo schema a seguire che rappresenta la categorie di verde presente in città.

 

   2. VERDE DI ARREDO

   Il termine "verde di arredo" indica in genere la parte di verde presente nelle città che deve assolvere prioritariamente ad una funzione igienico-sanitaria, sociale e ricreativa, protettiva, estetico architettonica, culturale ecc. allo scopo di migliorare le condizioni insediative e residenziali delle popolazioni nelle aree urbane. 

             3.1.Giardini storici (Es. Villa Amendola – Villa Comunale o ex Orto Botanico

                              FOTO N. 1  Villa Amendola

 

Si tratta di aree verdi di impianto generalmente non recente, culturalmente connesse con lo sviluppo delle città, talvolta testimoni di importanti vicende storiche. 

 

Obiettivo della gestione di questi giardini è la conservazione dell'impianto originario, la trasmissione degli obiettivi progettuali e formali, e nel contempo una fruizione sicura e non degradativa.

 

 

         

                         

     

                             FOTO N. 2 – Villa Comunale o ex Orto Botanico                                                       

 

La presenza di alberi maturi o addirittura secolari comporta la necessità valutazioni attente delle condizioni fitosanitarie e in particolare delle condizioni di stabilità degli esemplari presenti, anche per garantire l'incolumità dei fruitori e l'integrità del giardino stesso.

 

 

All'interno o al contorno delle aree urbane i giardini storici costituiscono fra l'altro un importante elemento di verde che favorisce il riequilibrio ambientale delle città.   

                                                                                                                                 

 
 
 

            3.2.Parchi urbani (Es. Parco Gesualdo – ex distretto militare -  Parco Kennedy )

                             FOTO N. 3 – Ex distretto militare 

 

 

Si tratta di aree verdi più o meno estese, presenti nelle aree urbane o ai loro margini, che svolgono una importantefunzione ricreativa e ambientale. 

 

 

I parchi urbani possono essere caratterizzati dalla suddivisione in zone con diverse funzioni (riposo, gioco, attività sportive, servizi, centri culturali e ricreativi).

 

 

           

                            FOTO N. 4 – Parco Kennedy

 

 

Generalmente sono progettati utilizzando specie autoctone, aspetto questo non rilevato nei nostri parchi, facendo un notevole impiego del prato e di alcune specie arbustive ed arboree acclimatate per l'area di insediamento.

 

Le aree interessate in generale possono andare da medio piccole ad estese, e in quest'ultimo caso diventano dei veri e propri "polmoni verdi" della città (Parco Kennedy).  Per quanto riguarda parco Palatucci e parco Manganelli (parco Santo Spirito) questi due grossi polmoni di verde sono sotto la gestione diretta dei giardinieri del Comune di Avellino

 

                                                                                                                                                                                                     

          3.3. Spazi verdi di quartiere (Es. Piazza Perugini)

   Si tratta in genere di piccole aree verdi presenti in diversi punti del tessuto urbano. Gli spazi verdi di quartiere sono utilizzati prevalentemente dagli abitanti della zona, che utilizzano queste aree con funzione ricreativa, di svago e di incontro. I criteri di impiego di questi spazi verdi, considerato l'utilizzo generalmente intensivo, a fronte di una modesta estensione, sono semplici: alberi, arbusti e zone a prato naturale, sono ubicati in modo da alternare zone d'ombra a zone al sole.

           3.4.  Verde stradale e viali alberati (Es. Viale Italia e via De Gasperi)

                             FOTO 5 – Viale Italia

 

Il verde stradale permette l'arredo di vie, viali, piazze e parcheggi. Rappresenta una tipologia di verde estremamente importante, che condiziona in modo sostanziale il paesaggio e l'ambiente urbano e la grande viabilità, ed è composto in prevalenza da alberi e arbusti.

 

viali alberati (detti anche alberate) di frequente sono intimamente connessi alla storia delle città e costituiscono, dunque, un patrimonio da salvaguardare (Viale Italia).

 

 

 

                         

                            FOTO N. 6- Via  De Gasperi

 

 

 

Non solo a volte, le strade mostrano brutti esempi di alberate, realizzate senza tenere conto di criteri razionali di progettazione del verde (Via de Gasperi, Via Colombo,etc), ma spesso le alberature stradali sono sottoposte ad offese diverse, derivanti dall'inquinamento, dagli errori di gestione,dagli scavi effettuati senza considerare la presenza e la funzione dell'apparato radicale della pianta, dalla presenza invadente delle auto che possono determinare costipamento del terreno e urti meccanici (alberatura di piazza D’Armi), ecc..

 

 

 

           3.4.1 Aiuole spartitraffico e rotatorie

                            FOTO N. 7 – rotatoria di Via Tuoro Cappuccini

La striscia verde che divide i due sensi di marcia, o quella che caratterizza un crocevia (rotatoria) e senz'altro molto utile per le funzioni che esercita a favore degli automobilisti: riposa la vista e, qualora vi siano siepi o arbusti, diminuisce l'impatto dei fari nelle ore notturne.

Questo tipo particolare di verde è esposto a condizioni molto difficili (inquinamento legato allo scarico dei motori, siccità, difficile manutenzione a causa della sua posizione, ecc.). Bisogna quindi ricercare soluzioni che assicurino la sopravvivenza di questo singolare arredo verde, riducendo al minimo i costi manutentivi.

Molto utile si rivela in questi casi l'uso di specie coprisuolo o tappezzanti, sia erbacee che cespugliose e arbustive, che assicurino la permanenza della copertura verde. 

E' chiaro che tali specie dovranno rispondere a requisiti di rusticità, facile adattabilità, effetto ricoprente rapido, buon valore estetico. L'alto costo iniziale di questo materiale vegetale e l'accurata messa a dimora che richiede e abbondantemente recuperato negli anni con oneri manutentivi minimi.

 La copertura permanente ad opera delle tappezzanti assicura dunque un aspetto paesaggistico valido, nonché facilmente ed economicamente mantenibile nel tempo. Questo giustifica ampiamente il loro impiego e la loro diffusione. Nelle aiuole spartitraffico, una soluzione valida è rappresentata da macchie di arbusti e piccoli alberi dislocati lungo l'aiuola stessa, in modo da rompere la monotonia del "nastro verde piatto" e creare piani vegetazionali di diverse altezze, con ottimi risultati estetici e funzionali.

          3.5.Verde funzionale

Come dice il termine stesso, si tratta di verde pubblico realizzato in funzione di determinate e particolari esigenze.

          3.5.1. Verde sportivo (Es. Campo Coni)

                                                                                                                                                         FOTO N. 8 – Campo Coni

Costituisce il completamento di un impianto sportivo, in quanto lo abbellisce, o lo isola dall'ambiente esterno per assicurare una certa tranquillità. In ogni caso, è necessario scegliere alberi particolarmente resistenti alle varie cause avverse, onde assicurare la pubblica incolumità, aspetto questo non rispettato dalla tipologia  di alberatura che perimetra il campo Coni (Pinus pinea). L'aspetto più importante del verde legato agli impianti sportivi e senz'altro il tappeto erboso dei campi di gioco.

                         FOTO N. 9 – Campus scolastico di viaMorelli e Silvati  

 

 

 

 

                      

 

         

 

           3.5.2. Verde scolastico

Il verde scolastico deve assolvere alla duplice funzione di "polmone verde" della scuola di cui è parte integrante e talvolta di "polo di osservazione naturalistica" per consentire agli alunni di conoscere il mondo vegetale (e il mondo animale che su di esso vive) a partire dalla propria scuola. 

           3.5.3. Verde sanitario ( Es. Parco dell’Ospedale “G. Moscati”)

Questo verde è strettamente legato a strutture ospedaliere o a case di cura, dove la funzione igienica è predominante su tutte le altre. Chiaramente, tutto il verde è utile e salutare, ma in determinate situazioni può essere più utile un particolare tipo di piante: ad esempio nei centri di cura delle malattie polmonari, le essenze resinose, che liberano aromi naturali utili per le vie respiratorie, potranno essere percentualmente maggiori delle latifoglie, aspetto questo non valutato nella tipologia di piante presenti (leccio principalmente). 

              3.5.4. Verde cimiteriale

Il verde cimiteriale svolge anch'esso un'importante funzione culturale e ambientale,consentendo di rendere più gradevole un ambiente generalmente triste e contribuendo anche ad una conservazione dell'equilibrio ambientale e sanitario.

           3.5.5. Verde residenziale e privato

Il diffondersi dell'attività edilizia fa indubbiamente sorgere una serie di problemi legati alle nuove urbanizzazioni. In tali aree il verde deve trovare il suo posto dignitoso, e soprattutto nei nuovi interventi residenziali deve essere prevista la realizzazione di un adeguato arredo.