Il Parco di via Colombo, (ex distretto militare)

In questa pagina...

Soppresso il Distretto il Comune di Avellino ha trasformato l’area sulla quale si estendeva la caserma in un parco pubblico, arricchito da piantagioni di alberi che creano un nuovo polmone verde al centro della città.
Delle antiche fabbriche è stata salvata una bella struttura che sapientemente restaurata ben si presta a sede di numerosi enti particolarmente impegnati nell’aspetto sociale a favore di alcune classi di cittadini meritevoli di spazi e promozioni di socializzazione.

a cura di Andrea Massaro (giugno 2010)
Distretto Militare
Distretto Militare - Vista Panoramica
Distretto Militare

Distretto Militare - Ingresso Parco
Distretto Militare

Distretto Militare - Parco Giochi
Distretto Militare

Distretto Militare - Giardino Botanico
Distretto Militare

Distretto Militare - Vista su Via De Concilii
Distretto Militare

Distretto Militare - Giardino Botanico
Distretto Militare
Distretto Militare - Cartolina d'epoca

Nel settembre del 1981 le mura del Distretto militare di Avellino scomparvero sotto i colpi delle ruspe allora in piena attività.
La demolizione del muro di cinta della quadrilatera costruzione militare seguiva l'ingloriosa e patetica sorte di tante altre testimonianze storiche del passato di Avellino, compreso l'Orfanotrofio di Via Triggio.

Successivamente oltre alle mura, si perse anche l’istituzione, un tempo vanto di questa città. Una pagina pregnante della storia di Avellino la racconta anche l’ex Distretto Militare, al quale sono legati profondi aspetti del passato di una città.
La vecchia caserma "Irpinia” racchiude pagine di storia e di lotta che la civica Amministrazione, sin dal lontano 1870 ha dovuto intraprendere per vedere nella città un’antica istituzione, che ieri come oggi, aveva preso il volo per altri lidi.

Per conoscere la sua storia bisogna risalire ad oltre un secolo fa, quando il Regio Decreto 13 novembre 1870, numero 6026, nel fissare le nuove circoscrizioni militari territoriali del Regno d'Italia, stabiliva in 45 i Distretti Militari sul territorio italiano.
Pur essendo stata Avellino nel passato sempre sede di Distretto, inopinatamente la città si trovò esclusa dalla nuova tabella approntata dal Ministero della Guerra, dirottandosi il Distretto nella vicina Benevento, da poco sorta come capoluogo di provincia.

Distretto Militare
Distretto Militare - Ninfeo
Superato il primo momento di perplessità, alcuni attribuirono l’omissione di Avellino nell'annesso elenco a un errore di stampa, si corse ai ripari. Il Sindaco dell’epoca, Francesco Saverio del Franco, convocò d'urgenza il Consiglio comunale per l'inoltro di una petizione al governo redatta dai consiglieri Villani, Trevisani e Solimene.

Energico carteggio intercorse tra il Municipio ed il Dicastero della Guerra affinché fosse revocata l'iniqua disposizione. I primi tentativi caldeggiati da Michele Capozzi e dall’Onorevole Bresciamorra non sortirono alcun effetto positivo.
La protesta che seguì sfociò nelle dimissioni in massa del Consiglio Comunale, della commissione Visitatrice del carcere, della Congregazione di Carità, degli Ufficiali della Guardia Nazionale e di altri Enti, non ultimo la Camera di Commercio. Il ministro Ricotti, titolare, del Ministero della Guerra, apparve visibilmente contrariato dalle vive e pressanti proteste che venivano da Avellino, appoggiate da vari uomini politici fra i quali il senatore De Luca, il ministro Quintino Sella e finanche il presidente del Consiglio, il piemontese Giovanni Lanza.

Finalmente il 2 ottobre 1871 gli sforzi e le premure del Comune sortirono a modificare la situazione creandosi in Avellino il 50esimo Distretto Militare che sorgerà nel 1873 sul suolo offerto gratuitamente dal Comune stesso al Genio militare di Capua che provvide alla costruzione dell'edificio a forma di un quadrato avente le misure di metri 110 per lato.

Il suolo, acquistato dal Comune dal proprietario Modestino Carullo, costò £.7.163,69. Nel 1887 si rese necessario ampliare la Caserma intitolata alla terra irpina, le cui mura, benché solide, non hanno retto ai colpi del terremoto del 23 novembre 1980, così come non resse il Distretto ad altre gravi situazioni politiche, amministrative e militari di questi ultimi decenni, tali da decretare la sua scomparsa.
Distretto Militare


Distretto Militare - Fontana

 

Fonti e bibliografia essenziale

  • Archivio Storico Avellino, Pel Distretto Militare, anno 1870 e segg.
  • A. Massaro, Avellino 1870. Dimissioni del Consiglio Comunale, in “Economia Irpina”, n.1, anno 1976
  • F. Barra, Il Mezzogiorno dei notabili, Avellino 1997
  • A. Massaro, Quella “battaglia” per l’ex Distretto, ne “Il Mattino”, pag. Avellino, 27 ottobre 2005
  • A. Massaro, L’ex Distretto Militare di Avellino, Atripalda 2008

Torna all'indice